Il Capo Ufficio – colloquio di lavoro

Gioco di ruolo BDSM / role play

Incipit:

In questo periodo della tua vita senti di aver bisogno di nuovi stimoli, così hai deciso di lasciare il tuo posto di lavoro. Trovare una nuova occupazione si sta rivelando piuttosto difficile e oggi hai l’ennesimo colloquio da affrontare. Questa volta però sei davvero intenzionato a fare bella figura, sia perché si tratta di un’azienda che ti interessa molto sia perché i tuoi risparmi stanno miseramente esaurendosi. 

Sei pronto, hai studiato ogni minimo dettagliato della storia aziendale, sai cosa dire o cosa fare. Il capo ti sta aspettando.

Ufficio.

Apri la porta e vedi il capo, è una lei.

Ora non sei più così sicuro di essere pronto.

Nel gioco:

Sei nell’ufficio del capo, lei con gentilezza ti invita a sederti alla sua scrivania.

Vi presentate e dopo un breve scambio di parole ti interrompe per rispondere ad una telefonata.

Hai così modo per osservarla nei dettagli. E’ una donna affascinante, indossa un abito scuro e da sotto la scrivania di cristallo ammiri le sue bellissime decoltè. 

Non riesci a distogliere lo sguardo dalle sue estremità, sei ipnotizzato dai suoi movimenti: la caviglia sottile, tacco e punta che picchiettano il pavimento. Tu vorresti essere il pavimento.

La fine della sua telefonata ti riporta alla realtà.

Parlate dell’azienda, di quello che era il tuo vecchio lavoro e di quello che ti ha spinto a cambiare. Cerchi di farti vedere calmo e sicuro ma quando lei si alza ed intravedi il pizzo delle sue autoreggenti inizi a perdere la concentrazione. 

Ti spiega che un posto per te potrebbe esserci: assistente personale.

Inizia a raccontarti delle varie mansioni che svolgeresti e che non sempre hanno a che fare con il mero lavoro d’ufficio. Il suo assistente personale, ti spiega, deve essere un uomo coraggioso che deve saper sfidare i propri limiti, sapersi evolvere e soprattutto assecondare i suoi capricci.

A quelle parole non sai rispondere, sei annebbiato.

Lei parla di ordini, disciplina e tutto mentre fuma una sigaretta nel modo più sensuale che tua abbia mai visto. Poi però la spegne con gesto deciso, indispettita ora ti sta dicendo che non sa se sarai adatto a questo ruolo.

Ti senti mancare, certo che sei adatto.

Tu vuoi quel lavoro.

Con lei, sotto di lei.

Il capo, come una maga, sembra averti letto nel pensiero. In modo sensuale si avvicina e ti sussurra che è una posizione molto impegnativa e non tutti gli uomini, al di là delle competenze, possono essere adatti a ricoprirlo. Ti dice che solo se saprai darle una prova di volerlo davvero allora sarà disposta a tenerti in considerazione.

Sei pronto a fare tutto quello che vuole e lo dici con un entusiasmo che sembra fuori contesto.

Lei ride, ti chiede sei serio. 

Lo sei e glielo ripeti con convinzione.

Lei riflette in silenzio e ti guarda divertita.

Sei in attesa di una parola, un cenno fino a che non pronuncia una frase che non pensavi di desiderare così tanto di sentire.

“Bacia le mie scarpe”.

Senza pensarci sei in ginocchio davanti a lei, baci le sue scarpe e senti la sua risata.

Ora può iniziare la tua prova come assistente personale.

…..

Continua..nel mio ufficio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.