Gioco di ruolo / role play BDSM

Pratiche coerenti: Fetish, crush fetish, dirty, alimentazione forzata, smoking, trampling, adorazione.

Incipit:

Sei il fattorino di un ristorante di alto livello. Ti piace la libertà di movimento che questo lavoro ti concede. Ti eccita spiare per pochi minuti nell’intimità casalinga delle persone.

Ed è questo tuo sottile voyerismo ad averti fatto sognare spesso una donna alla quale hai consegnato il cibo un paio di volte.

Ti è rimasta nelle mente la sua bellezza e la austera eleganza.

E ti sei emozionato quando hai scoperto di avere una nuova consegna per lei.

Vuoi trattenere ancora un pò quella sensazione e così, pur rischiando di indispettirla, decidi di lasciare per ultima la sua consegna. 

Nel gioco:

Arrivi, citofoni e vai alla sua porta. Lei è bella ed elegante come sempre, indossa dei tacchi rossi. Ti scruta mentre le consegni l’ordine.

“E’ terza volta che ti vedo” ti dice,

“Davvero signora? Una sicuramente”. Menti, non vuoi che sappia quanto hai ripensato a quei due brevissimi incontri.

“Ne sono certa. Tutte e due le volte tu mi hai portato cibo rovinato dal trasporto.”

“Mi scusi tanto signora, come posso rimediare?”, e questa volta sei sincero.

“Adesso tu entri e aspetti”.

Sei incredulo, hai il permesso di entrare in casa sua. Ti guardi intorno cercando di cogliere più particolari possibili che possano rivelare qualcosa su di lei.

“Lo sapevo, ancora una volta hai rovinato la mia cena” dice osservando il contenuto di una delle confezioni.

“Sono mortificato, davvero. Purtroppo ora non so come rimediare, sono finite le consegne, le posso rimborsare tutto. Ad ogni modo, anche se danneggiato, sarà ancora buono” farfugli in fretta.

“Credi davvero che io possa mangiare del cibo danneggiato?”,

“Ha ragione, mi scusi tanto.” dici senza pensarci due volte. E’ vero, è impensabile che una Dea come lei possa nutrirsi con qualcosa che non sia alla sua altezza.

“Come posso farmi perdonare?”.

La donna ti scruta, poi sorride. Ha trovato una soluzione e sta per dirtela e tu accetterai qualsiasi cosa per avere un briciolo della sua benevolenza.

“Lo mangerai tu” decreta.

“Come scusi?”,

“Hai capito benissimo. Mangerai tutto e pulirai tutto. Solo allora deciderò se perdonarti”.

Ti senti in trappola e allo stesso tempo colto da una sensazione mai provata prima. Va bene, pensi, farò tutto quello che vuole. 

La donna si siede, aspetta. Sei in imbarazzo ed è chiaro che lei si stia godendo questo tuo smarrimento.

“Da cosa comincio? Posso prendere una piatto?” azzardi per rompere il silenzio.

Lei non ti risponde e poi, padrona del suo tempo, con tutta calma sfila una delle confezioni dalla busta.

“Comincerai da questi”,

“Prendo un piatto, signora?” ,

“Non ti serve, il tuo piatto sarà il pavimento.”

“Il tuo piatto sarà il pavimento”

Questa frase, pronunciata come se fosse l’unica soluzione logica al mondo, ti rimbomba nella mente.

Ti ecciti. Lei lo nota e il suo sorriso segna la tua resa:

Sa di aver colto la tua vera natura.

La donna prende il primo boccone e lo lascia cadere a terra.

Ora è l’istinto a guidarti, ti inginocchi davanti a lei e ti protendi verso il cibo.

Ma lei lo calpesta con decisione.

Quel gesto provoca in te sgomento, non puoi che dire “Grazie”: sei davanti alla tua Dea. 

“Ora mangerai tutto e poi pulirai le mie suole e il pavimento, con la tua lingua”,

“Grazie signora”. 

Inizi a mangiare da terra, ti senti un cane.

Lei si accende una sigaretta e con disinvoltura ti umilia maggiormente facendo cadere la cenere sul cibo. Hai un attimo di esitazione e lei ti redarguisce. 

“Continua, devi finire tutto!” e con la scarpa tiene la tua testa schiacciata al pavimento.

Non ti puoi muovere e la tua Dea continua a passarti il cibo.

Poi con estrema lentezza fa colare della saliva sul tuo pasto, è una grazia che non pensavi potesse essere così potente.

“Grazie mia Dea”.

Ti ordina di girarti, vuole che tu pulisca le sue suole.

Non è ancora soddisfatta, ti calpesta.. e poi ricomincia a costringerti a finire e pulire tutto…

Continua…

….nelle tua mente.

<< Lascia qui sotto un commento!>>

Per altri giochi di ruolo visita il mio sito Mistress Cleo Domina e scopri gli altri giochi presenti in questo mio magnifico blog.

Per info su sessioni e giochi contattami via mail con una tua presentazione a info.cleomistress@gmail.com

Unisciti alla discussione

6 commenti

  1. Una volta vidi un film porno di un meccanico in balia di una Signora che gli aveva portato la macchina ad aggiustare.
    Ho percepito la stessa tensione in questo racconto, una Signora dispotica, calma, Padrona del suo tempo.
    Continuerei con schiaffi e frusta, per testare e indirizzare la resistenza dello schiavo, alla fine vedendolo sfinito potrei anche concedergli la gratificazione finale, oppure no, la prossima volta.

  2. più leggevo e andavo avanti, più m’incuriosivo e più mi veniva da invidiare quel fattorino…io x LEI sto già abbaiando e FEDELE appunto come un CAGNOLINO, con la mente, sto mangiando sul pavimento ciò che lei fa cadere, le lecco le suole delle scarpe nella maniera più SOTTOMESSA possibile e mi accuccio ai suoi DIVINI PIEDINI poi, con la faccia spiaccicata sul pavimento, lei mi pressa i tacchi sulla testa facendole da POGGIAPIEDI UMANO…questa è la vignetta perfetta che mi sono creato x LEI DIVINA MISTRESS(in pratica mi sono sostituito al fattorino)…la saluto…bel gioco 🙂 …BAU…PS non riesco a non dirle che la ADORO nella maniera più assoluta <3

  3. Faccio come secondo lavoro il fattorino, quanto vorrei fare una consegna ed imbattermi nella Sua bellezza Domina. Mi prostrerei subito ai Suoi piedi ad adorarLa!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *